cosa vedere in Egitto

Uno dei Paesi sicuramente più interessanti da visitare e più ricchi di storia è l’Egitto, che è la nuova meta da non perdere, sei pronta a partire con me?

Innanzitutto come saprai l’Egitto è uno degli Stati più interessanti dal punto di vista delle tecniche di architettura antica e ancora oggi le piramidi sono conosciute e invidiate in tutto il mondo. Oggi però voglio consigliarti altri luoghi da visitare, perché parlare di Egitto non significa solo parlare di piramidi.

Cominciamo con un’informazione pratica, i turisti italiani possono entrare in Egitto chiedendo il visto turistico direttamente alla dogana, presentando la prenotazione in un hotel o la dichiarazione di un cittadino egiziano che vi ospiterà durante il soggiorno. In altri casi può essere richiesta un’assicurazione medica e il visto turistico dura circa 2 settimane, al termine delle quali si è costretti a lasciare il Paese.

Chi volesse trascorrere in Egitto un periodo di tempo più lungo deve rivolgersi al Consolato Generale d’Egitto a Roma o all’Ambasciata Generale Egiziana. Ottenere il visto turistico è davvero semplice e ti sarà chiesto di indicare motivo del viaggio, monumenti che vuoi visitare, luogo del soggiorno oltre al pagamento di una piccola cifra per le spese burocratiche.

A questo punto può iniziare la nostra visita virtuale a questo Paese ricco di storia!

Alla scoperta dell’Egitto… il deserto del Sinai e il Mar Rosso!

Da travel planner vi consiglio di iniziare la visita dell’Egitto proprio dal deserto del Sinai, luogo in cui trovare la pace interiore e in cui la solitudine domina su ogni altra cosa. Secondo la Bibbia in questo deserto gli ebrei hanno vagato per 40 anni alla ricerca della terra promessa.

Non può nemmeno mancare un’immersione nel vicino Mar Rosso, il bacino d’acqua più salato del mondo, a cui sono legate diverse leggende, a partire dalla separazione delle acque ad opera di Mosè per sfuggire alle armate del Faraone.

Nel Mar Rosso potrete andare alla scoperta di diverse barriere coralline e fare immersioni spettacolari in siti unici al mondo come quelli di Hurghada e Safaga. Si tratta di destinazioni turistica molto note proprio per la possibilità di fare immersioni con barche da crociera in giornata e ammirare relitti famosi, coralli protetti e una moltitudine di pesci colorati.

Una visita a Il Cairo, la capitale dell’Egitto

La caratteristica più tipica de Il Cairo sono le sue stradine strette e antiche, che contrastano con il nuovo look moderno e lo stile di vita contemporaneo che negli ultimi anni ha cominciato a caratterizzare la capitale del Paese.

La città è attraversata dal fiume Nilo, che merita una visita così come i vari mercatini locali dall’aria di antichità e magnificenza allo stesso tempo. Il mio consiglio è andare al quartiere di Giza, in cui si trovano le maestose piramidi. Ovunque, muovendoti per la città, potrai trovare monumenti, musei e piazze affascinanti e vedere davvero ogni angolo del Il Cairo richiede più di qualche giorno di vacanza.

La Valle dei Re, la Valle delle Regine e Luxor

Il fascino del deserto

È forse questa la parte più affascinante di ogni viaggio in Egitto: recarsi a Luxor per ammirare i templi funerari di dignitari e alti funzionari e i sovrani della XVIII, XIX e XX dinastia immersi in un paesaggio scarno e assolato. La temperatura media è di circa 40 gradi.

Tutte le tombe sono a ipogeo, scavate nel terreno e arrivano anche a 60m di profondità e corridou, scale e vani sono disposti in modo da ingannare i profanatori e i ladri e da proteggere il sarcofago e le ricchezze del defunto. Nonostante questo tutte le tombe sono state trovare tranne quella di Tutankhamon, rinvenuta intatta e scoperta nel 1922 dall’archeologo inglese Carter.

La tomba reale più famosa d’Egitto è però quella di Seti, con una camera mortuaria lunga 100 metri e decorazioni murali che raffigurano le costellazioni.

La visita non può non comprendere i templi di Medinet Habu e il favoloso tempio di Ramsete III, decorato con scene di guerra: proprio da Medinet Habu si arriva alla Valle delle Regine, che custodisce oltre 80 tombe. Qui il tempio più suggestivo è sicuramente quello della regina Hatchepust, la figlia di Tutmosi I. Si tratta di una struttura davvero scenografica con tre lunghe terrazza che salgono come gradini fino a unirsi ai fianchi della montagna e decorata con la rappresentazione della dea Hathor.

La biblioteca di Alessandria d’Egitto e il relax al mare

Ancora oggi come nelle epoche passate Alessandria d’Egitto conserva una delle più importanti biblioteche di tutta l’Africa e la visita a questa città vi permetterà di scoprire leggende e storie curiose. Dopo tanta cultura il modo migliore per concludere il tuo viaggio alla scoperta dell’Egitto è qualche giorno di relax al mare, magari al Soma Bay, a Sharm el Sheikh o a Marsa Alam, località turistiche di fama internazionale.

Che ne dici, vuoi partire con me per questa nuova avventura? Vuoi viaggiare nella storia e rilassarti nelle acque più belle del mondo? Contattami per scoprire il pacchetto di viaggio più adatto a te!

Facebookinstagram

©2018 Amiche di viaggio.it "La nuova trendy travel community"

amichediviaggio,it@gmail.com   373/9031574

CONTATTACI

Ciao, risponderemo ad ogni tua domanda entro 24 ore. Grazie per averci contattato. A presto

Sending
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

Vai alla barra degli strumenti